La trasformazione digitale per la produzione su commessa: 5 passi per agevolarne l’adozione

Il mercato di massa che prevede linee di assemblaggio per il make-to-stock non è l’unico settore in cui il digitale sta trasformando la produzione. Anche i produttori su commessa e dell’industria della trasformazione subiranno un grande impatto.

Il settore manifacturing subirà o sfrutterà il digitale?

Produttori a basso volume e ad alta complessità come produttori di macchine agricole o aziende del settore della trasformazione nel mondo del food hanno in molti casi rallentato l’adozione delle tecnologie digitali. 

È comprensibile che queste organizzazioni abbiano spesso l’impressione che solo le soluzioni digitali su misura siano efficaci nelle loro attività e che non c’è nulla sul mercato che li supporti.

Programmi su scala aziendale per sostenere progetti di produzione digitale raramente decollano mentre, al contrario, queste soluzioni sono più comunemente identificate e implementate da singoli reparti, uffici o unità di business.

Nonostante queste barriere, molte Imprese hanno compreso e -speriamo- metabolizzato l’urgenza di implementare soluzioni digitali, percependo il rischio di perdere vantaggi competitivi rispetto alla concorrenza. 

Hanno ragione: l’impatto potenziale delle tecnologie digitali è significativo ed i grandi volumi di dati che queste aziende stanno ora producendo potrebbero essere la chiave di volta per migliorare la produttività.

Come la digitalizzazione può trasformare le attività

Le soluzioni digitali possono aiutare ad affrontare direttamente le sfide specifiche che i produttori ad alta complessità si trovano ad affrontare. 

Il segreto sta nell’applicazione del digitale alle operazioni integrate piuttosto che alle singole funzioni. 

​Lavorare sul digitale in 3 aree dal grande potenziale:​Qualità e affidabilità

L’affidabilità sul campo è la priorità assoluta per conquistare e trattenere clienti (sia nel B2B che ne B2C), per cui l’analisi -anche predittiva- e la manutenzione remota potrebbero diventare funzioni standard nelle apparecchiature per aumentare i tempi di attività e limitare le interruzioni da manutenzione. 

Anche grazie alle logiche ed agli incentivi di Industria 4.0 è possibile progettare e stabilire un accesso remoto per monitorare lo stato di salute di prodotti e macchine e costruire modelli predittivi utilizzando i dati sul campo per ottimizzarlo. 

La digitalizzazione migliora l’efficienza e l’efficacia della manutenzione, riducendo i tempi di fermo non necessari.

Volatilità della domanda

L’elevata volatilità e l’imprevedibilità della domanda si riflette necessariamente sulla produzione e sulla supply chain. Ma prevedere e conoscere è essenziale per decisioni che vanno dalla pianificazione della produzione alla gestione delle scorte e del personale. 

La previsione della domanda basata su dati statistici può fornire ai pianificatori della produzione la visione di medio periodo necessaria ad ottimizzare flussi e processi.

Variabilità della produzione

Quasi per definizione, produrre a basso volume e su commessa significa gestire un gran numero di varianti di prodotto, un’ampia gamma di fasi produttive e una strettissima collaborazione tra la produzione e la progettazione. 

Procedure digitali standardizzate e la misurazione delle prestazioni possono migliorare significativamente la capacità di un’organizzazione di gestire la complessità. Per esempio, stabilire l’accesso remoto via tablet per gestire e misurare le fasi di produzione standard può migliorare drasticamente le prestazioni di un centro di lavoro o di un reparto.

Accelerare l’implementazione di soluzioni digitali

La mancanza di familiarità con applicazioni specifiche può impedire a imprenditori e managers di immaginare l’impatto che le tecnologie digitali già esistenti potrebbero avere sulla loro organizzazione. 

5 passi per accelerare la trasformazione digitale:

Realizzare una scansione della “capacità digitale”.

L’Impresa dovrebbe valutare le sue attuali capacità di digitalizzazione, la cultura, la strategia e l’organizzazione.

Ipotizzare un incentivo ciclico alla trasformazione.

Ripensando i loro budget, le aziende possono cogliere i benefici derivanti dalla trasformazione in imprese digitali e utilizzare i margini derivanti per ulteriori trasformazioni digitali.

Sviluppare le competenze.

Le aziende dovrebbero prendere in considerazione il lancio di una “accademia digitale” che offre corsi di apprendimento digitale per tutte le aree funzionali. Mai sentito parlare del Campus Puntoexe? 😉

Descrivere e promuovere il nuovo modo di fare impresa.

Le aziende dovrebbero identificare le opportunità o i processi e utilizzarli come “bandiere digitali” – esempi di come le soluzioni digitali possono migliorare le operazioni, ispirando l’organizzazione.

Digitalizzare dalla base.

Le aziende di tutti i settori industriali potrebbero prima di tutto chiedere ai dipendenti di presentare idee per iniziative ad alto impatto. Si potrebbero persino indire concorsi per i migliori suggerimenti.

***

Naturalmente, questi passi possono avere senso sulla carta, ma sappiamo bene che la vera sfida può essere la traduzione di nuove idee… in officina. 

È qui che un approccio basato sul coinvolgimento e sull’esperienza può aiutare a fare vere e proprie scoperte. 

Le intuizioni che ne possono scaturire possono esaltare un potenziale inutilizzato in tutti i nostri impianti. 

In sostanza, in ogni caso, si tratta sempre di decidere se vogliamo essere leader nel nostro settore o rimanere al palo.

Francesco Smorgoni

Fondatore di Puntoexe, imprenditore ad Impatto7, creatore del primo metodo in 6 fasi per la semplificazione delle attività dell'Impresa. Speaker e Podcaster

Click Here to Leave a Comment Below

Leave a Reply: